Skip to main content

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario è una complessa rete integrata di mediatori chimici e cellulari, di strutture e processi biologici, sviluppatasi nel corso dell’evoluzione, per difendere l’organismo da qualsiasi forma di attacco chimico, traumatico o infettivo alla sua integrità. Per funzionare correttamente, un sistema immunitario deve essere in grado di rilevare un’ampia varietà di agenti, noti come agenti patogeni.
Nell’uomo il sistema immunitario può essere classificato in sottosistemi:

  • il sistema immunitario innato
  • sistema immunitario adattativo o l’immunità umorale
  • all’immunità cellulo-mediata.

I vari tipi di cellule del sistema immunitario vengono prodotti nel midollo osseo; questo tessuto si trova all’interno di alcune ossa dell’organismo, in particolare delle ossa larghe e piatte come per esempio quelle che formano il bacino. Le cellule più importanti prodotte dal sistema immunitario si trovano nel sangue e sono: i fagociti – ossia speciali globuli bianchi che agiscono “fagocitando gli invasori” per la naturale difesa aspecifica – e i linfociti – cioè quei globuli bianchi che modificano gli anticorpi contro specifici patogeni.

Esistono, poi, due classi particolari di linfociti:

  • Linfociti B: si sviluppano nel midollo osseo e sono deputati alla produzione degli anticorpi, particolari molecole proteiche capaci di riconoscere uno specifico antigene, e legarsi ad essi per neutralizzarli successivamente;
  • Linfociti T: maturano nel timo, un organo situato nel torace dietro lo sterno, e sono in grado di regolare e coordinare l’intero sistema immunitario attaccando e distruggendo le cellule alterate riconosciute come estranee.